#BeatiVoi di Alessandro Sortino è imprescindibile

venerdì 29 maggio 2015

di Bruno Mastroianni, Metro, 28 maggio 2015


Beati Voi, il nuovo programma tv di Alessandro Sortino è imprescindibile, non si può ignorare. E non lo dico perché sono cattolico o perché va in onda su TV2000, la tv dei vescovi. Tutto questo non c’entra. Quello che Sortino – per tanti anni inviato delle Iene – sta cercando di fare con questa nuova trasmissione è qualcosa che non può essere ignorato da chi si interessa di comunicazione. In un panorama televisivo in sofferenza, in cui i talk show crollano e si assiste a un rispolvero di vecchi format pur di recuperare ascolto, l'ex-iena sta sperimentando una formula destinata a lasciare traccia. Qual è il centro del programma? La ricerca della verità. Sì è proprio questo: la ricerca. Si parte dalle beatitudini pronunciate da Cristo sulla montagna, un discorso paradossale e strano: beati i poveri, gli afflitti, i perseguitati… oggi diremmo “beati gli sfigati”. Da qui il programma prende il via e, attraverso persone reali, personaggi noti e meno noti, si pone domande essenziali, con lo stile di Sortino, senza sconti, in un circolo di umanità, dubbi, speranze, paure. Senza retorica, senza effetti speciali. Un programma che non “mena il can per l’aia”, non fa chiacchiere né dibatte, va dritto a ciò che impegna ogni essere umano nel corso della vita: cercare risposte. Mostrando che la televisione ha ancora molto da dire. Ecco perché è un programma imprescindibile. E non dite che Sortino è una ex-iena ora convertita. Portando la ricerca della verità in tv ha spinto il suo essere iena fino alle estreme conseguenze, da vero cristiano.

Nessun commento:

Posta un commento