Un app per iPhone sugli scritti del fondatore dell'Opus Dei

giovedì 9 febbraio 2012


Tecnopreghiere/ Arriva iEscrivà, l’Opus Dei sul telefonino

Giovedì, 9 febbraio 2012 - 16:55:00
di Antonino D’Anna, Affaritaliani.it
opus1
L’Opus Dei su smartphone o tablet. Si chiama iEscrivà ed è un’app, rilasciata in questi giorni (in vendita a 1,59 € sull’Apple App Store)ideata da Nicola Sarcinelli, un ragazzo di 25 anni che lavora nell’azienda di famiglia Computer Innovation School (www.cischool.it). Attraverso le pagine di iEscrivà (al momento disponibile per iPhone, ma che può essere già usato per iPad e vedrà forse in futuro la versione tablet) è possibile meditare sugli scritti di San José Maria Escrivà, il fondatore dell’Opera (1902-1975). Il prodotto, infatti, offre la biografia e le opere del fondatore dell’Opus Dei allo scopo di aiutare – così la presentazione sull’App store – la meditazione personale.
L’azienda, spiega Nicola ad Affaritaliani.it, ha: “Inteso sviluppare un filone tematico per la diffusione di scritti religiosi. Tra questi abbiamo pensato di sviluppare iEscrivà. Abbiamo fatto richiesta alla Fondazione Studium che detiene i diritti degli scritti del Fondatore dell'Opus Dei”. E l’ok è arrivato. In particolare, chiarisce Sarcinelli: “Ci siamo fatti carico del rischio imprenditoriale, del reperimento dei testi e dello sviluppo e messa in vendita del prodotto finito”, tanto che forse ci sarà un seguito: “L'idea è quella di continuare a migliorare il prodotto in termini di qualità e numero di lingue, oltre che cercare altri prodotti utili. Di sicuro non solo le parole del Fondatore ma anche quelle del suo successore (monsignor Alvaro del Portillo, N.d.R.) e dei vari fedeli che hanno vissuto a suo fianco potranno essere utili per diffonere il messaggio e la proposta di vita propria dello spirito dell'Opus Dei".
opus
E, naturalmente, l’Opera è soddisfatta. Come dice ad Affari Bruno Mastroianni, portavoce dell’Opus Dei: “Il fatto che gli scritti di san Josemaría si diffondano attraverso apps per iPhone e iPad è in qualche modo il naturale esito del suo messaggio. Il cellulare può aiutare a pregare: è proprio l'idea della santificazione in mezzo alle occupazioni quotidiane". Non solo: per Mastroianni: "Spesso cadiamo nell'idea che la fede sia qualcosa che si vive nelle pause o in momenti distinti dalla vita di tutti i giorni. San Josemaría invece insegnava che il nostro dialogo con Dio può e deve essere costante, non malgrado ma attraverso le cose di tutti i giorni. Il computer, il cellulare e gli altri dispositivi teconologici che usiamo per lavorare, comunicare e divertirci possono facilitare il rapporto con Dio". E a proposito di piani editoriali elettronici, il portavoce dell’Opera ricorda: “Da diverso tempo l'Opus Dei attraverso il sito www.opusdei.it diffonde informazioni e notizie a proposito della prelatura e delle attività apostoliche dei fedeli. Anche attraverso Twitter, Facebook e Youtube: è un modo di diffondere il messaggio evengelico attraverso strumenti informativi ormai di uso quotidiano”. A proposito di San Escrivà c’è il sitowww.josemariaescriva.info che racconta della devozione diffusa in tutto il mondo e il sito www.escrivaworks.org con tutti i suoi scritti, consultabili per intero e suddivisi per argomento. Più una presenza su Facebook (https://www.facebook.com/pages/Opus-Dei-Italia/230914973644521), Twitter e un canale Youtube.

Nessun commento:

Posta un commento