Le scarpe consumate sintesi dello stile BXVI

giovedì 9 settembre 2010

di Bruno Mastroianni, Tempi, 9 settembre 2010

Senza saperlo, Adriano Stefanelli - artigiano di Novara che dall’inizio del pontificato si occupa di produrre le scarpe rosse del Papa – ha fornito una delle migliori sintesi dello stile di Ratzinger. Infatti, all’uscita dall’udienza privata a cui ha partecipato la settimana scorsa ha detto: "ho notato che le scarpe che il Papa indossava erano consumate; segno che sono comode, che vanno bene”.

Si vede che certi sollevatori di polveri mediatiche che stanno preparando la visita del Papa in Inghilterra (con l’idea di rovinarla) non leggono Stefanelli. Quelle scarpette rosse, dal passo calmo ma deciso, non si faranno certo scrupoli nell'andare a consumarsi sul terreno secolarizzato dell’isola Britannica. Così come non hanno esitato in scenari ben più impegnativi (non so se ci si è scordati della Terra Santa, della Turchia o della "laicissima" Francia).

Certo ci si sta dando da fare – soprattutto sulla stampa internazionale - per ricordare a tutti quanto l’Inghilterra sia ostile e refrattaria alla Chiesa, in modo che le polemiche e gli schiamazzi (secondo il solito copione) dettino i titoli dei giornali. Ma queste, sarebbe d’accordo l’artigiano novarese, non sono che le grinze che intaccano qualsiasi calzatura.

Diamo retta a Stefanelli che di camminate ne capisce. I segni che sembrano scalfire il procedere di Ratzinger sono un segnale della bontà del prodotto: è proprio sui terreni più impervi e corrosivi che il Papa sa camminare sicuro portando il suo messaggio di fede.

4 commenti:

  1. fortissimo! il taglio...e la misura giusta!
    pgg

    RispondiElimina
  2. è molto vero, il passo svelto e nello stesso tempo calmo del Papa è un segno eloquente della sua profonda convinzione che Gesù è il Salvatore di ogni uomo e della sua totale dedizione a trasmettere questa Buona Novella! Il nucleo del Vangelo! Grazie Bruno perchè ce lo fai notare!

    RispondiElimina
  3. l'articolo calza che è un piacere.

    RispondiElimina