Intanto in Inghilterra la fede è già in prima pagina

giovedì 16 settembre 2010

di Bruno Mastroianni, Tempi, 15.9.10

Benedetto XVI arriva in Inghilterra con il solito carico di polemiche a cui ormai siamo abituati. Anche stavolta se ne sono sentite di tutti i colori: dalla richiesta di arresto del Papa per la questione dei preti pedofili (avanzata dal classico gruppo di attivisti atei), alle fantomatiche teorie sull’omosessualità del cardinale Newman, fino alle polemiche per i costi della visita.

Anche stavolta però – ormai lo abbiamo imparato – il coro di voci dissonanti, più che delle difficoltà della visita, ci parla d’altro. Un risultato, infatti, Benedetto XVI nel Regno Unito lo ha già raggiunto. Basta dare una scorsa ai maggiori quotidiani e periodici inglesi dell’ultimo mese: tutto un pullulare di articoli, interviste, interventi e risposte, sui temi dei rapporti tra anglicani e cattolici, il valore dell’autorità del Papa, il senso della beatificazione del cardinale Newman e il ruolo della fede nella società moderna. In certi spazi si è parlato addirittura di coscienza e di dogma, di ragione e conversione (argomenti centrali negli insegnamenti del cardinale Newman così come in quelli di Papa Ratzinger).

Certo, non sono mancate voci dissonanti e critiche; ma quando mai su testate come il Times, il Telegraph, il Guardian e persino l’Economist i temi legati alla fede avrebbero trovato tanto spazio? Al di là della patina polemica, bisogna ammetterlo: ancor prima della sua visita nella secolarizzata Inghilterra, Benedetto XVI un primo sonoro colpo lo ha già assestato. È la nuova evangelizzazione dell’Occidente. Di sicuro ne vedremo i frutti.

6 commenti:

  1. Carissimo Bruno,
    ti invito a leggere, qualora non ti sia ancora capitato sottomano, l'articolo scritto da Cameron e pubblicato sul Corriere di oggi. Sono certamente le parole di un politico, il più autorevole politico come massima carica del paese archetipo del "politically correct", che tutto vuol'esser fuorchè ostile ad un ospite della regina, e che probabilmente vuol fare da contraltare proprio a tutte queste polemiche. Ma nonostante tutto mi ha colpito molto positivamente, sottolineando la portata di questa visita ed evidenziando l'amatissima figura di Newman anche se prevalentemente sotto il profilo del "buon cittadino", come piace agli inglesi (e come dovrebbe essere un vero cristiano).

    Un abbraccio e buon lavoro
    p.s: anche se non ti commento, ti leggo sempre

    Emanuele D

    RispondiElimina
  2. Certo che l'ho letto. Lo metto a disposizione di tutti eccolo: http://www.corriere.it/esteri/10_settembre_16/cameron-papa_09cede80-c158-11df-96dc-00144f02aabe.shtml

    RispondiElimina
  3. CIao Bruno,
    non mi faccio mancare mai il tuo puntuale e sereno commento.

    Articolo letto e apprezzato.

    Sempre di più sono convinto che il carisma di questo Papa è la giusta prosecuzione all'amato Giovanni Paolo II

    RispondiElimina
  4. grazie Domenico. Il merito è tutto di BXVI che con il suo stile conquista tutti. Persino l'Inghilterra... Ma quale Domenico sei?

    RispondiElimina
  5. CIao BRuno, sono "IO" Domenico Lanzo

    calorosi saluti

    RispondiElimina