Chi insabbia cosa?

sabato 1 maggio 2010

di Bruno Mastroianni, Formiche, maggio 2010

Alla fine, bisogna ammetterlo, nel dibattito sulla pedofilia nella Chiesa è rimasto fuori qualcosa. Di fronte a quella che è stata descritta come un’emergenza planetaria e una crisi per il bene collettivo, ci si sarebbe aspettato un lavoro lucido e scientifico di conoscenza dei numeri e dei documenti. Ci aspettavamo i dati, i background, le statistiche. Ci aspettavamo la precisione scientifica degli esperti o almeno un esame accurato delle carte.

Invece ci siamo dovuti accontentare di una disordinata e inconcludente carrellata di casi singoli, discutibile nei metodi e sovraeccitata nei toni. Basti pensare alle accuse rivolte al Papa dal New York Times e dall’Associated Press che poi si sono rivelate entrambe frutto di traduzioni imprecise – la prima perché fatta con Yahoo translator, la seconda per scarsa conoscenza del latino e del diritto canonico.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: non è aumentata la consapevolezza, non si è contribuito ad arrestare il fenomeno (anche perché i casi sono in gran parte vecchi e chiusi), né si sono aiutate le vittime. L’unico risultato è stato quello di screditare il buon nome della Chiesa – dipinta come una congrega di pederasti e insabbiatori. Tanto che non c’è bisogno di essere esperti di comunicazione per farsi venire il sospetto che la lotta alla pedofilia non fosse il vero obiettivo.

Ma è ancora più interessante notare cosa è successo altrove. Da tutto il mondo (non solo dai cattolci) si è sollevata un straordinaria ondata di controinformazione. Basta fare un giro su internet per capire dove sono finiti i dati e le statistiche, dove sono le voci degli esperti. Basta visitare anche solo i blog dei giornalisti vaticanisti per capire dove ha trovato spazio chi era veramente titolato ad esprimere giudizi sulla vicenda. E il paradosso è che molti di quei dati sono stati forniti proprio da parte cattolica.

Qualcuno ha fatto notare l’ironia della sorte: la ricerca dell’impeachment della Chiesa – un'istituzione che va avanti da 2000 anni – è partita proprio da quei media classici (come il New York Times) che stanno perdendo lettori e avranno forse ancora qualche decennio di vita, sempre che la raccolta pubblicitaria glieli conceda. Nel frattempo tra uno strillo e l’altro, quelli che sono andati a cercarsi le informazioni da soli hanno tratto una conclusione tra tutte: non esiste altra istituzione che, come la Chiesa, stia facendo tanta chiarezza, affrontando di petto e - stando ai dati - arginando efficacemente, una piaga nefasta che affligge tutti gli ambiti della società umana.

Di fronte a tutto questo viene voglia di domandarsi: chi sono i veri insabbiatori?

Nessun commento:

Posta un commento