Il Papa non diventerà un poliziotto

giovedì 22 aprile 2010

di Bruno Mastroianni, Tempi, 22.4.10

È un paradosso. Più l’ondata polemica sulla pedofilia ha assunto toni da turba sgangherata, più le carte e i documenti ci hanno restituito un Ratzinger (prima cardinale e poi Papa) di grande equilibrio e condotta cristallina. Più sono usciti articoli zeppi di aggettivi foschi e allarmanti, più le azioni della Santa Sede (stando alle disposizoni del 2001 con le loro linee guida) si sono rivelate fondate su criteri oggettivi. Più certi organi di stampa si concentrano su cimeli pedofili di venti, trenta, quarant’anni fa, più Benedetto XVI si mostra attento al presente e al futuro. La realtà è che i fomentatori dello pseudo-allarme si sono svegliati tardi. Sono anni che Joseph Ratzinger ha chiaro il problema. Non solo: lo ha chiaro nella sua portata più ampia. Infatti, mentre la bagarre isterica vede solo pedofili e non fa che proporre un ottuso “sbattiamo in carcere i colpevoli e denunciamo tutti i sospetti”, Benedetto XVI sta andando oltre, allargando l’intervento al tema più ampio del ruolo del sacerdote nel mondo. Per questo l’anno sacerdotale, per questo le catechesi sul senso del sacerdozio, per questo la lettera ai cattolici d’Irlanda che chiede ai preti di essere autentici uomini di preghiera. La fissazione sul manipolo di pedofili del passato non sembra avere altre proposte che trasformare il Papa in un poliziotto e ogni vescovo in un secondino. Benedetto XVI invece sta guardando al futuro: a quelle centinaia di migliaia di preti sulla cui fede si giocherà il destino delle anime del resto del mondo.

Nessun commento:

Posta un commento